piramidi e sfinge tempio buddista tanzania spiaggia malesiana deserto hoggar machu pichu borneo 2008 bimba tunisina donne masai

IL VIAGGIO IN borneo DI ANNARITA E ALDO


Quello scelto quest’anno è un viaggio davvero particolare sia per la durata che per la meta, avremo un intero mese da spendere tra la penisola Malese e la parte malese dell’isola del Borneo.
Si preannuncia un viaggio ricco di interessi culturali ed ambientali ma anche molto intenso per quanto riguarda gli spostamenti , in quanto dovremo usare tutti i mezzi di trasporto disponibili: treni , navi, aerei, bus etcc…. etcc….
Partiamo dall’Italia con volo diretto Roma, Kuala Lumpur , una volta giunti nella capitale e depositati i nostri bagagli in un grazioso albergo nel pieno centro di Chinatown, prendiamo immediatamente contatto con il nostro referente in Malesia per confermare alcune escursioni già prenotate dall’Italia.
Impegniamo il pomeriggio visitando alcuni templi del centro della città , tra cui l’induista “SRI MAHAMARIAMMAN TEMPLE” il taoista “SZEIA TEMPLE” e l’imponente “MASJID JAMEK”.

  • home viaggi
  • foto gallery
  • La sera ceniamo in un locale del centro, e rientriamo presto in albergo per recuperare la stanchezza del fuso orario.
    Il mattino seguente ci rechiamo in centro per la visita delle imponenti “PETRONAS TOWER” , ritiriamo dopo una lunga fila, i biglietti gratuiti , ma che sono distribuiti in numero limitato, quindi saliamo con degli ascensori superveloci fino allo “SKYBRIDGE” per godere dello spettacolare panorama dall’alto dei suoi 171 m di tutto il centro della città.
    Nel pomeriggio ci rechiamo fuori città per la visita del tempio induista “BATU CAVES” realizzato all’interno di imponenti grotte e popolato da numerose scimmie .
    Continuiamo la visita dei dintorni di K.L. con la bella città di “GEORGETOWN” da qui con un comodo bus notturno ci spostiamo verso la costa est a “KUALA BUSET” dove ci imbarchiamo per “PERHENTIAN KESIL” , la più piccola delle isole “Perhentian” qui abbiamo un primo assaggio delle bellezze del mare malese passiamo due giorni tra snorkeling mozzafiato, immersioni con il diving locale , passeggiate nella lussureggiante foresta tropicale dell’interno dell’isola e deliziose cenette presso dei ristorantini che la sera attrezzano i loro tavolini lungo la spiaggia con delle ottime mangiate di pesce freschissimo.
    Dopo il mare ci aspetta un lungo trasferimento in pullman per raggiungere prima “JERANTUT” e poi “KUALA TAHAN” dove alloggiamo, nel cuore del “TAMAN NEGARA” un parco nazionale stimato come la foresta tropicale più antica del mondo.
    Qui le attività commerciali si svolgono tutte su delle chiatte ancorate lungo il fiume”TEMBELIC” , ed anche il simpatico ristorante che ci ospiterà per le sere seguenti e’ ancorato lungo il fiume.
    Le escursioni dei giorni successivi sono entusiasmanti .
    Facciamo dei trekking a piedi attraversando dei ponti fatti di liane intrecciate, detti “CANOPY WALKWAY”, sospesi a notevole altezza e da cui si può ammirare la foresta sottostante , effettuiamo delle bellissime navigazioni del fiume su lance locali che ci consentono di ammirare la foresta anche dal fiume.
    Non ci facciamo mancare neanche una escursione notturna, accompagnati da una guida locale che ci mostra la miriade di animali che si trovano lungo i sentieri che attraversano la foresta, animali che noi da soli non avremmo mai scorto nell'intrico di rami e di foglie della foresta .
    Le emozioni che ci regala questo parco sono davvero tante il giorno successivo facciamo una piccola esperienza di speleologia , attraversando una serie di grotte con dei passaggi davvero angusti, dove bisogna in alcuni tratti strisciare contro le pareti, quindi dopo esserci infangati per bene dato che nei giorni scorsi ha piovuto abbondantemente ci farà sbucare in un spiazzo dove delle piccole cascate danno vita ad un laghetto dalle acqua cristallina e qui possiamo fare un bel bagno per ripulirci dal fango e fare una reciproca ispezione del corpo alla ricerca di ospiti indesiderati , infatti durante queste escursioni abbiamo dovuto fare i conti con le temute sanguisughe , che ci ritroviamo attaccate addosso ad ogni escursione nella foresta , quindi tutti a spulciarci l’un l’altro alla ricerca degli indesiderati ospiti.
    Alla fine di questa bella immersione in una natura incontaminata, il viaggio continua verso sud, con un treno notturno da “JERANTUT” verso “SINGAPORE” .
    A questo punto io ed Annarita decidiamo di separarci dal gruppo rinunciando a malincuore alla visita di Singapore , a beneficio della mitica isola di “TIOMAN” , tanto decantata negli ambienti subacquei per la magnificenza dei suoi fondali.
    Quindi ci salutiamo con i nostri compagni di viaggio e scendiamo alla stazione di “KLUANG”, e raggiunta “MERSING”in pullman prendiamo il traghetto per Tioman .
    IL soggiorno su questa magnifica isola ha pienamente soddisfatto le nostre aspettativa , siamo stati ospiti presso il “MUTIARA” resort sulla costa est nella baia di “JUARA” ,abbiamo passato tre giorni da favola tra snorkleling e immersioni con il piccolo diving locale su fondali di una bellezza mai visti , fatto delle magnifiche passeggiate nella lussureggiante foresta dell’interno dell’isola , e la sera delle ottime cene a base di pesce in riva al mare, in compagnia dei pochi ospiti dei vari resort della baia.
    Sicuramente non abbiamo rimpianto la mancata visita alla ultramoderna Singapore tra grattacieli e traffico cittadino.
    Rientrati sulla costa ci riuniamo con il resto del gruppo nella piccola città stato di “MELAKA”, e qui finisce anche il nostro soggiorno nella Malesia peninsulare.
    Rientriamo a K.L. dove ci imbarchiamo su un volo interno per “KOTA KINABARU” capitale della regione del “SABA” nel Borneo Malese .
    All’arrivo a K.K. organizziamo quello che sarà in linea di massima il nostro soggiorno nel Borneo .
    Noleggiamo due pulmini per il trasferimento prima in auto e poi in traghetto per raggiungere “BANDAR SERI BAGAWAN” , la capitale del sultanato del “BRUNEI” , dove la nostra visita coincide con i festeggiamenti per il compleanno del sultano e cosi possiamo visitare la città completamente allestita a festa ,con parate militari e con la partecipazione di vari gruppi in abiti tradizionali, tutto molto bello.
    Finiti i festeggiamenti ci dedichiamo alla visita di alcuni bei mercati cittadini e poi alla navigazione con delle imbarcazioni locali del “SUNGAI RIVER” il fiume che attraversa la città, per poi addentrarsi in una bella foresta di mangrovie .
    La tappa successiva e’ la visita del”SEPILOK ORANG UTAN REHABILITATION CENTRE” la funzione di questo centro e’ il recupero e la reintroduzione in liberta di giovani oranghi resi orfani o feriti dai bracconieri.
    Qui si può assistere in varie ore del giorno all’integrazione alimentare da parte dei guardiani del parco a favore dei giovani oranghi.
    E uno spettacolo emozionante vedere questi animali per molti aspetti cosi simili agli uomini, nel loro ambiente naturale,ad una cosi breve distanza, uno degli esemplari ci e’ passato cosi vicino da sfiorarci , passando oltre senza degnarci di uno sguardo, e’ stata una bellissima esperienza visti da cosi vicino questi animali incutono timore per la loro notevole potenza fisica , ma anche tenerezza per il loro sguardo quasi umano.
    Il giorno seguente proseguiamo per il “KINABANTANG NATURE LODGE” ,dove saremo ospiti per due giorni interamente dedicati ad escursioni lungo l’omonimo fiume sia in lancia, che a piedi lungo le sue sponde.
    Il posto e’ veramente incantevole immerso nella foresta tropicale ed affacciato sulle sponde del fiume dove c’e’ un piccolo porticciolo per l’attracco delle lance utilizzate per le escursioni.
    La prima giornata e’ dedicata alla navigazione del fiume con numerose soste lungo le sue sponde per ammirare le molte specie di animali che si possono scorgere grazie alle indicazioni della nostra guida , che ci fa vedere aquile pescatrici , buceri, coccodrilli e tantissimi altri uccelli acquatici.
    Ma l’incontro più emozionante e’ stato quello con le scimmie nasiche , che scorgiamo su degli alberi , mentre sono intente a spostarsi da un ramo all’altro alla ricerca di giovani foglie di cui sono ghiotte.
    Lo spettacolo di queste scimmie cosi particolari e che vivono solo sull’isola del Borneo ci fa trattenere praticamente per tutto il tempo dell’escursione nei pressi di questi alberi .
    All’ora del rientro mentre navighiamo dolcemente verso il resort, assistiamo ad un tramonto con una esplosione di colori incredibile, con tutte le tonalità di rosso che si possono immaginare, in contrasto con il verde intenso della foresta che stiamo attraversando, e’ uno spettacolo di una bellezza assoluta che difficilmente potremo dimenticare.
    La serata si conclude piacevolmente con una bella cena consumata su un terrazzo in legno completamente immerso nella foresta , e’ veramente un posto da sogno sembra di vivere sospesi in un mondo fantastico , cosi lontano dalle nostre caotiche città, il tempo sembra trascorrere con un altro ritmo, condizionato solo dal sorgere e il calare del sole , dalla pioggia e dal sereno .
    L’indomani siamo pronti per nuovi incontri , e non rimarremo certo delusi, infatti durante il trekking che faremo lungo le sponde del fiume incontreremo molte forme di vita, animale e vegetale , e tra queste ci scontreremo nuovamente con le sanguisughe , ma ormai abbiamo una certa esperienza e ci sbarazziamo di loro senza molti problemi , e senza il panico dei primi giorni. Lasciamo il “KINABANTANG” e ci dirigiamo verso il nord-est del borneo dove trascorreremo gli ultimi giorni di questo entusiasmante viaggio. Ci fermiamo a “SEMPORNA” dove facciamo base per la partenza verso alcune delle centinaia di isolette che formano il parco marino di “TUN SAKARAN MARINE PARK” praticamente le isole che formano questo parco sono la propaggine meridionale delle filippine e si trovano nel mar di “SULU” .
    La perla di questo parco e' sicuramente l’isola di “SIPADAN”,che rappresenta la mecca per ogni sub a causa della ricchezza dei suoi fondali sia per i coralli di ogni forma colore e dimensione , che per l’ abbondanza di pesci di tutte le razze e dimensioni .
    Il primo giorno con due barche raggiungiamo “TIMBA TIMBA” e “MATAKING”, la prima splendida e disabitata formata da due isole collegate da una sottile lingua di sabbia che compare solo con la bassa marea, la seconda abitata dai zingari di mare in povere casa costruite su palafitte e realizzate con foglie di palma intrecciate .
    il giorno seguente ancora alla ricerca di isole paradisiache con “MANTABUAN” e MAIGA” dove continuiamo con degli snorkeling fantastici , e mangiamo a pranzo il pesce pescato dall’equipaggio delle nostre barche.
    Gli ultimi due giorni li dedichiamo a “SIPADAN” chi con lo snorkeling e chi con immersioni con le bombole, ma tutti alla ricerca di incontri spettacolari con squali , mante, enormi tartarughe e tanti altri meravigliosi pesci in un mare che sembra un immenso acquario.
    Non ci poteva essere modo migliore di concludere questo viaggio cosi intenso e ricco di emozioni, che rimarrà sicuramente tra i nostri ricordi più belli.



    Arrivederci Malesia e grazie per i magnifici ricordi che ci hai regalato. Annarita e Aldo